CONDIVIDI

Da sempre un egittologo con vari interessi nel campo: lo studio della lingua e della cultura egizia lo ha portato al conseguimento del dottorato e al lavoro di Curatore presso il Museo Egizio di Torino fra il 2009 e il 2013; il fascino per il racconto e la divulgazione non lo ha mai abbandonato nei circa trent’anni di didattica praticata sempre in Museo con bambini e adulti di ogni età. Con alcuni amici ha introdotto i laboratori-gioco nel Museo torinese e i corsi di geroglifici per adulti. Nel mondo dell’editoria, invece, ha sempre preferito correggere, interpretare e ispirare: da una decina di anni ormai fa con grande passione l’editor, il traduttore e il consigliere editoriale. Le lingue straniere sono il suo hobby: inizialmente come uno strumento per estendere la conoscenza del mondo passato ma poi anche per curiosità rispetto a quello contemporaneo, con l’inglese, il francese e il tedesco, ma anche con l’arabo, lo svedese e l’ungherese (in corso di studio o magari sfiorate solo per curiosità) ha esplorato nuovi universi, strutture linguistiche e culturali.