Tony Wheeler

CONDIVIDI

Un trekking lungo la “hippie trail” nel 1972 lo ha ispirato per fondare una casa editrice di guide di viaggio: la Lonely Planet. Il “New York Times” lo definisce il santo patrono di tutti i backpakers e degli amanti delle avventure di viaggio. Attraverso la sua “Planet Wheeler Foundation” ha in attivo più di 50 progetti rivolti ai paesi in via di sviluppo. La sua ultima impresa, nel 2017, è stata quella di viaggiare su una sportiva auto d’epoca da Bangkok a Londra, passando per la Cina, l’Iran e la Turchia. Autore di “Un giorno viaggiando”, “Fuori rotta”, “Bad lands”, “Perché viaggiamo” , tutti editi da EDT.